Racconti, racconti fotografici

Fantasma Balarìn

Di media altezza, scuro di capelli, ma chiaro di pelle e di occhi, Corrado era il garzone del macellaio di Rio Terà Canal. Non proveniva da una famiglia ricca, ma era abbastanza diligente e tanto intraprendente da, grazie alle mance ottenute dalle signore ben più anziane di lui, potersi permettere dei calzoni senza toppe, una […]

Leggi altro
Racconti

La grande festa sul Monte Gap

Ogni anno, in piena estate, nel giorno in cui il sole tramonta più tardi, si teneva un grandissimo banchetto sul Monte Gap, lungo una tavolata immensa che correva per la cima. Gli abitanti del villaggio vicino partivano di buona lena in mattinata per giungere in vetta a un buon orario e occuparsi dei preparativi. I […]

Leggi altro
Racconti

La tuba

Come una vecchia attrice, sapeva di camerino ed era un avanzo di vecchio teatro d’altri tempi. Forse vestito di scena per un balletto di varietà, forse strano abito di carnevale. Emersa dal mulinello di stracci nel quale era stata gettata per qualche gioco senza prestigio, mi fu tra le mie mani con la sfacciataggine che […]

Leggi altro
Racconti

Una nobile impresa

C’era una volta, in una terra calda bagnata dalla pioggia primaverile, una bambina di nome Daya. Quel giorno, il giorno che Daya avrebbe ricordato per sempre come Il giorno rosso, suo fratello se ne stava in giardino sotto il temporale – la bocca spalancata e la lingua di fuori – a bere la pioggia. Daya […]

Leggi altro
Racconti

Les demoiselles de Loctudy

Quell’autunno avevo voglia di viaggiare. Non mi interessavano le lezioni del primo semestre. Non dissi nulla a mia madre. Semplicemente partii. Zaino in spalla. Francia. Bretagna. Finistère. Loctudy. Era una bellissima giornata di pioggia. L’acqua che cadeva fitta e, impregnando il terreno, ne liberava ogni aroma. Chiusi gli occhi. Contrariamente a ogni logica stagionale l’aria […]

Leggi altro
Racconti, racconti fotografici

Storia passata

Come ogni mattina Concita, Rosa e Manuel si attivarono, aprirono il loro grande occhio e iniziarono a fare quello che facevano ogni giorno: controllare la piazza (ma, dentro di loro, anche tentare di conquistare il mondo). “Ehi, ma l’hai visto quello?” disse Concita, spalancando il suo gigante occhio. “Dici quello che sta entrando in banca?” […]

Leggi altro
Racconti

Orizzonte

Quando ti ho detto di partire, ti ho promesso che ti avrei guardato le spalle, che sarei stata sempre con te. Quando sei salito su quella barca con un altro centinaio di anime io ti guardavo salpare, insieme alle altre madri. Ora le mie giornate sono scandite dall’attesa di tue notizie. A volte arriva correndo […]

Leggi altro
Racconti

Il sudario di porpora

  La calda brezza di fine maggio, incanalata nelle sinuosità del Bosforo, spazzava languidamente le strade cittadine, e il sole, sebbene il giorno si apprestasse a declinare, era ancora alto e focoso sulla linea dell’orizzonte. Quella era l’ora in cui, dal porto, una fiumana di lavoratori era solita riversarsi in città, tornando alle proprie case, […]

Leggi altro
Racconti

Socialismo scolastico

Tutti gli anni, a Natale, Pasqua e in giugno per il compleanno della nonna ci ritroviamo a casa dei miei genitori. Amici e parenti. Tra tutti, il mio preferito è lo zio Antonio, il fratello della mamma. Sessantenne, alto, magro con i capelli sale e pepe sempre troppo lunghi. Di sinistra da sempre, si vanta […]

Leggi altro
Racconti, racconti fotografici

Il mio silenzio

“Non è incredibile?” Hai ragione. Io, almeno, è solo davanti a coincidenze così crudeli che qualche dubbio sul destino me lo faccio ancora venire. Non percorro mai questa strada per tornare al mio bilocale: passare per il parco non fa che allungare il percorso verso casa. Oggi mi ci ha trascinato il vago senso di […]

Leggi altro