Raccontare l’arte: La scapigliatura milanese #3

L’edera, Tranquillo Cremona

Lisetta si chiedeva come fosse possibile provare tanto odio. Sì, odio era il termine giusto, non stava esagerando. Un tempo il modo in cui Alfredo la stringeva a sé le faceva sentire le ginocchia come il burro, il cuore in gola. In quel momento invece le prudevano le mani. Alfredo le ricordava un bambino capriccioso, di quelli che scoppiano in pianti isterici e grida insopportabili per un nonnulla, con grossi lacrimoni che colano sulle guance incrostate di muco. Continuava a scusarsi, le parole spaccate e incomprensibili. Inutili. Smettila, smettila, smettila di parlare, pensava Lisetta, stai zitto, vattene, sparisci. Non parlare. Alfredo, non parlare. Invece restava in silenzio, Lisetta, pietrificata tra le sue braccia. Gli avrebbe rotto il naso con un pugno, strappato i capelli e gli occhi dalle orbite, scavato con le unghie tra le membra. Voleva fargli male, ricambiare il favore. Lisetta si chiedeva come fosse possibile essersi scordata dell’amore così, in una notte. Quell’amore che un tempo le traboccava dagli occhi perché sentiva la mancanza del suo Alfredo. Ora era lui a piangere e guardandolo Lisetta non poteva fare a meno di pensare allo sguardo dei pesci morti al mercato il giovedì mattina. Occhi vuoti e bagnati. Scusami, continuava a ripetere Alfredo. Lì accanto, mossa dal vento, l’edera solleticava la mano di Lisetta. Si divincolò dal suo abbracciò e prima di andarsene gli sputò in faccia. Nella sua testa la voce della madre che la rimproverava. Non è così che si comporta una signorina. Lisetta rise tra sé.

Annunci
Elisa Carini

Quella (un po’ femminista) che scrive e che nella vita non vorrebbe fare altro. Vive con un gatto nero nella bella Milano dove studia, sperpera soldi in libri usati e beve troppo caffè.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...