La nostra terra: Bio contro tutte le mafie

La nostra terra è un film del 2014, diretto da Giulio Manfredonia, con Stefano Accorsi e Sergio Rubini.

Nicola Sansone è un boss locale, e quando viene arrestato il suo podere viene confiscato dallo Stato e assegnato a una cooperativa, la quale però non riesce a costruire nulla per i continui boicottaggi ordinati dal boss, seppur in carcere.
Quindi Filippo, un militante dell’antimafia che opera da sempre nel Nord viene inviato ad aiutare la cooperativa, e riesce ad avviare l’attività agricola.

nostra-terra-rubini-accorsi-1030x615

Il film si schiera apertamente contro tutti gli atteggiamenti mafiosi, come l’omertà e la paura di reagire. La cooperativa è formata da un gruppo di persone con storie diverse alle spalle, ma con un desiderio comune di riscattarsi: per farlo decidono di sfruttare la propria terra, coltivandola senza guadagni ma con la speranza di una futura ricompensa.
Come sfida ulteriore, decidono di coltivare biologicamente i loro prodotti, senza utilizzare fertilizzanti e additivi chimici.

È inebriante il clima di libertà che si respira nel guardare un gruppo di persone alzare la testa di fronte a un boss della mafia; e la scelta di non arretrare anche anche quando quest’ultimo li minaccia apertamente.

La-nostra-terra-banner

“La terra è di chi la lavora” urlavano negli anni ’50 i contadini in ribellione stufi di essere sfruttati dai padroni. E sicuramente, cosa ancora più importante, la terra non è della mafia. Come preannuncia il titolo del film, questa terra è nostra. Di noi tutti.
Ci offre prodotti che spesso il mondo intero ci invidia.
Ma non solo per questo bisogna difenderla. Non solo perché la mafia oltre a lucrarci sopra la distrugge, con i rifiuti tossici sotterrati o affondati in mare.
È per qualcosa di più.
È per ciò che rappresenta, per non arrenderci all’idea che tutto possa esserci strappato con la violenza e la paura, finanche la terra sulla quale siamo nati.

Il finale è forse il momento migliore del film: Filippo decide di superare la propria paura e scopre che è l’unico modo per sentirsi libero. E la cosa più bella è sapere che ci sono tante realtà come questa nel sud-Italia. Non è una favola, non sono storielle, ma frammenti di realtà. Persone che combattono, spesso trovandosi da sole contro tutti.
Ma non mollano mai e a furia di insistere trionferanno.

Questo è il messaggio che vuole lanciare questo film, e sicuramente lo si coglie in pieno. È un ottimo prodotto da guardare per ricordare quanto è importante rivendicare la proprietà della propria terra, che è di tutti e non è di nessuno.

Annunci
Pasquale Salerno

Una risposta a "La nostra terra: Bio contro tutte le mafie"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...