Raccontare l’arte: Magritte “Le thérapeute”

Mi dicevano che vivevo d’espedienti, che ero un fannullone.

Io che di notte camminavo per sentieri di ciottoli e terra, con il mio bastone che mi sorreggeva durante le folate di vento d’inverno.

Nella mano destra un macigno, il peso degli anni che mi portavo addosso e che non volevo più indossare.

D’improvviso tutto finì mentre mi conducevo per nuovi sentieri di ciottoli e terra.

Non lo realizzai subito. Ma quando capii che tutto stava per finire, e la luna continuava a illuminarmi il cammino, mi resi conto che avevo il cielo dentro e che non ero un semplice fannullone.

Annunci
Valeria Pagani

Quella che fa cose. Nata a Milano nel 1995, vive e lavora tra le Colonne di San Lorenzo e Festa del Perdono. Ama il teatro e avere sotto controllo tutto (non sempre ci riesce).

Una risposta a "Raccontare l’arte: Magritte “Le thérapeute”"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...