Ogni angolo era un’amaca su cui fare l’amore

Quando Marta e Sabrina erano in casa sole, i vicini si guardavano imbarazzati e alzavano il volume del televisore.
Si udiva urlare, gemere, gridare e godere.
Si odorava il fumo di una sigaretta lasciata a metà quasi tutte le sere.
Il profumo del sugo bruciato sul fuoco, l’ennesima canzone d’amore.

Il monolocale era per loro un castello,
piccole stanze, un grande letto e tanto rumore.
Sulla testa portavano corone di cartone e sulle spalle un ampio mantello,
Ogni angolo era un’amaca su cui fare l’amore.

Non avevano un grande regno,
ma un sogno eminente,
vivere sempre insieme,
fregandosene della gente.

 

Illustrazione di Serena Gianoli

Un progetto Marshmellow.

Annunci
Elisa Carini

Quella (un po’ femminista) che scrive e che nella vita non vorrebbe fare altro. Vive con un gatto nero nella bella Milano dove studia, sperpera soldi in libri usati e beve troppo caffè.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...