Libri da leggere sotto l’ombrellone – Edizione 2017 – parte 2

 

Valeria Pagani consiglia

Le ho mai raccontato del vento del Nord 
di Daniel Glattauer

download-4Una corrispondenza via mail che nasce per puro caso: Emma Rothner, detta Emmi, vuole disdire l’abbonamento alla rivista Like e per sbaglio nell’indirizzo e-mail digita Leike. Da questo piccolo incidente inizierà una corrispondenza intensa e appassionante fra Emmi e Leo Leike. I due decidono sin da subito di non descriversi e di non vedersi per paura che un possibile incontro possa far morire tutto l’interesse e la curiosità che è nata fra di loro. I mesi passano e i due protagonisti continuano a non vedersi, a non descriversi e nonostante ciò iniziano a coltivare reciprocamente un forte sentimento e una forte attrazione. Diventano il loro appuntamento fisso quotidiano, una vera e propria dipendenza. Il libro non presenta descrizioni o antefatti o alcun tipo di spiegazione, unicamente il testo delle mail. Fin dalle prime pagine colpisce grazie a una scrittura molto intima che riesce a delineare caratterialmente i protagonisti. La lettura è facile grazie alla semplicità della struttura narrativa (in fondo non è che uno scambio di mail). Ciò che rende interessante il libro come ogni romanzo epistolare) è la possibilità che ha il lettore di entrare nell’intimità dei personaggi. Consigliato in quanto una lettura semplice e gradevole.


Elisa Carini consiglia

Mio fratello rincorre i dinosauri di Giacomo Mazzariol

download

Il giovanissimo autore (classe ’97) racconta la sua storia e quella del fratello Giovanni, che ha un cromosoma in più. Un libro divertente e toccante che leggerete in un baleno! “Hai cinque anni, due sorelle e desidereresti tanto un fratellino per fare con lui giochi da maschio. Una sera i tuoi genitori ti annunciano che lo avrai, questo fratello, e che sarà speciale. Tu sei felicissimo: speciale, per te, vuol dire «supereroe». Gli scegli pure il nome: Giovanni. Poi lui nasce, e a poco a poco capisci che sì, è diverso dagli altri, ma i superpoteri non li ha. Alla fine scopri la parola Down, e il tuo entusiasmo si trasforma in rifiuto, addirittura in vergogna. Dovrai attraversare l’adolescenza per accorgerti che la tua idea iniziale non era così sbagliata. Lasciarti travolgere dalla vitalità di Giovanni per concludere che forse, un supereroe, lui lo è davvero. E che in ogni caso è il tuo migliore amico”.



Carlo Daffonchio consiglia

Splendore a Shanghai di Gianfranco Manfredi

20863514_10213631269198439_5337060369829753659_o

Se negli anni ’60 il motto di coloro che vivevano una vita sempre sul filo del rasoio era “Sesso, Droga e Rock’n’Roll”, negli anni ’20 e ’30 chi sapeva vivere alla grande aveva solo tre parole d’ordine, “Joy, Gin & Jazz”. Gli anni sono quelli de “Il Grande Gatsby” di Fitzgerald, ma in questo romanzo siamo catapultati dalla parte opposta del mondo, in Estremo Oriente, tra le frenetiche vie di Shanghai, “Parigi d’Oriente” e capitale del divertimento nella Cina delle concessioni internazionali, della lotta fra comunisti e nazionalisti e dell’avanzata giapponese. Il poliedrico Gianfranco Manfrendi, con il preciso lavoro di documentazione e ricostruzione di atmosfere che gli è proprio (andate a dare un occhio alla serie a fumetti “Adam Wild” da lui creata e sceneggiata), incrocia la cornice storica dei ruggenti anni ’20 nel contesto cinese con la vicenda romanzesca e finzionale del pianista Doremì, che dall’anonima Senigallia si ritrova catapultato a vivere le luci e le ombre dell’Oriente coloniale, in un mondo ormai al tramonto. Il tutto condito con le scatenate note di musica jazz, malinconiche atmosfere romantiche e le vite continuamente spezzate e ricostruite dei protagonisti. Dunque preparatevi un gin tonic, mettete un cd della jazzista Valaida Snow e godetevi la gioia di questo romanzo.


Lucrezia Iussi consiglia

Qualcosa di Chiara Gamberale (illustrazioni di tuono pettinato)

Ci sono quei libri per bambini che sono poi soprattutto per gli adulti. Quegli adulti che si sentono persi, feriti, e vorrebbero rincontrare i piccoli sè, capire dove le cose sono andate storte, e ricominciare. È esattamente questo che fa Chiara Gamberale: ci mette davanti la nostra parte bambina, e ci prende per mano in un libro magico, delicato, divertente e commuovente. La principessa Qualcosa di Troppo è, essenzialmente… troppo: da quando è nata ride troppo, parla troppo, canta balla corre troppo. E questo significa anche, però, che quando arriva un grande dolore, sembra non poter finire mai: è troppo. E questo la porta, a un tratto, a non riuscire più a sentire niente. La principessa dovrà imparare a conoscere questo Niente, a trovare un equilibrio, senza dover rinunciare a se stessa, per stare finalmente bene. “Qualcosa” è un libro che si legge tutto d’un fiato, in mezza giornata. E non è né troppo, né troppo poco, anzi, è la lettura perfetta per un pomeriggio di fine estate!


Nicolas Campagnoli consiglia

L’ombra del vento di Carlos Ruìz Zafòn

Lombra-del-vento

“Ricordo ancora il mattino in cui mio padre mi fece conoscere il Cimitero dei Libri Dimenticati”: così, nella calda e affollata Barcellona del 1945, il piccolo Daniel entra in possesso di un libro che lo introduce alla vita turbata e alle illecite passioni del suo misterioso autore. Ma il libro cela anche una matassa di macabri segreti, che sarà compito di Daniel sbrogliare. Dallo stile visionario, pur nel suo ritmo serrato, L’ombra del vento vi calerà in un mondo in continuo bilico tra realtà e incubo, in cui nulla si rivela essere ciò che sembra, sullo sfondo di una Barcellona d’altri tempi.

 

Annunci
ROA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...