Film | Wonder Woman

Bene ma non benissimo.

La DC porta avanti i suoi progetti cinematografici e, nonostante i passi avanti rispetto a Suicide Squad, in cui il montaggio pasticciato rendeva difficile superare i primi venti minuti, nemmeno Wonder Woman è un film riuscito totalmente.

La pellicola, diretta da Patty Jenkins, racconta la storia di Diana (Gal Gadot), principessa delle Amazzoni, cresciuta nella reclusa isola di Themyscira. Salvando la vita a un pilota americano (Chris Pine), il cui aereo è precipitato a pochi metri dalla costa, Diana scoprirà che esiste un mondo al di fuori della sua isola in cui si sta combattendo una guerra devastante e questo la porterà a lasciare la sua casa e a cercare di fermare la minaccia, imparando così a usare i suoi poteri.

ROA recensione film wonder woman avanguardia themyscira

La prima parte del film dipinge in maniera piuttosto interessante la società completamente femminile delle Amazzoni con, però, alcune ricadute quasi al limite del trash: la sequenza in cui la regina delle guerriere racconta a Diana il motivo per cui vivono nascoste nell’isola parte da un dipinto che poi vediamo prendere vita e animarsi,  e l’idea sarebbe anche interessante, ma gli effetti speciali con cui la scena è eseguita fanno praticamente impallidire.

Il problema degli effetti speciali tornerà poi anche nel finale dove qualche green screen mal mascherato e qualche esplosione di troppo rendono una scena, nelle intenzioni, ad alto contenuto adrenalinico, la parte meno riuscita del film.

ROA recensione wonder woman film avanguardia

Ma, andando con ordine: l’arrivo del pilota/spia Steve Trevor apre le porte del mondo esterno e fornisce quelle che sembrano delle buone premesse. La relazione fra il suo personaggio e quello di Diana, infatti, inizialmente ribalta i canoni del genere e pone lui nella situazione tipica della “donzella in difficoltà”, portando una ventata d’aria fresca (e offrendo la gag più simpatica di tutto il film, oltre a quelle che vedono poi protagonista la sua originale segretaria) alla narrazione.

ROA recensione wonder woman chris pine gal gadget avanguardia film

Dal momento in cui i due scelgono di scappare insieme per raggiungere il fronte della guerra, però, il film inizia a perdere colpi, prima lentamente e poi in modo sempre più rapido. Se infatti le scene ambientate a Londra mantengono ancora un tono e un ritmo piuttosto buoni, la situazione inizia a sfuggire di mano con l’effettiva partenza per la loro missione: scene d’azione esageratamente piene di avvenimenti che rallentano l’avanzare della storia e l’inserimento della – seppur brevissima – storia d’amore fra i due protagonisti sono le ragioni per cui la pellicola comincia un climax discendente che continuerà fino alle ultimissime battute.

ROA recensione wonder woman film avanguardia

Quello che dispiace di più è che non si sia riusciti a prescindere dall’intervento maschile per la risoluzione del conflitto: è comunque Steve che sblocca Diana, è lui che la porta a liberare i suoi poteri e anche l’altro personaggio femminile, quello della temibile dottoressa Maru (Elena Anaya), creatrice di un gas capace di far vincere la guerra ai tedeschi e obiettivo che i nostri devono distruggere, ci viene presentato come bisognoso di attenzione e approvazione maschile, quando avrebbe tutte le carte in regola per terrorizzare il mondo da sola.

Bene, quindi, perché è un primo tentativo da non sottovalutare in toto, ma non benissimo, perché la strada da fare per poter vedere un cinecomic “al femminile” che ci faccia uscire dalla sala soddisfatti, e non semplicemente accontentati, è ancora lunga.

Annunci
Francesca Sala

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...