Recensione | 7 psicopatici

Questo mese per le nostre recensioni, il tema è la follia.
Ho scelto un film che tratta questo argomento un po’ in senso lato.

7 Psicopatici è un film del 2012, diretto da Martin McDonagh.
La trama si basa sull’assurda vicenda che coinvolge tre amici:
Marty è uno sceneggiatore che sta cercando di scrivere un film, intitolato “7 psicopatici”.
Billy, migliore amico di Marty, è un ex attore che si occupa di rapire dei cani per ricevere le ricompense.
Poi c’è Hans, socio di Billy, religioso ex-criminale con un passato violento. Billy e Hans rapiscono il cane di Charlie, un gangster psicopatico che quando scopre il rapimento del suo cane scatena una feroce caccia ai tre amici.

7_psicopatici

Non è tanto la trama a rendere speciale questo film, quanto la regia, che trasuda follia da ogni scena. Pur non essendo i protagonisti precisamente “matti”, il film presenta comunque degli scenari assurdi.
La violenza è trattata in modo davvero originale, inoltre la sua presenza è percepita come un attore onnipresente durante il film.

I dialoghi sono al confine tra l’assurdo e il grottesco ed i personaggi sono unici nel loro genere. Interpretati da attori di altissimo livello (Colin Farrell, Christopher Walken, Woody Harrelson), pur nella loro follia non sono esagerati e non fanno scadere il film in una pacchianata da B-movie.

Il lungometraggio è pieno di scene assurde e folli, ma in cui tutto rimane chiaro, limpido e godibile. La fotografia è stata curata in modo strepitoso. Sembra quasi che ad ogni personaggio e ad ogni sua follia, sia associata una luce diversa.

Per non parlare dei flash che Hans mette alla luce quando imprime le sue idee nel registratore: piccole microstorie davvero originali, e anche qui la qualità non manca né nella recitazione, né nella regia e tantomeno nei dialoghi.locandinapg8.jpg

Inoltre, il gioco del “film nel film” viene rappresentato in modo magistrale. Personalmente sono stufo di film pieni di paradossi confusi ed insensati, che portano a credere che più un film sia complicato, più risulti figo.
Invece, in 7 Psicopatici l’idea non annoia, non è banale e non è usata per un semplice colpo di scena. L’intero film ruota intorno al racconto di Marty che scrive la sceneggiatura della stessa pellicola che stiamo guardando.

7 Psicopatici è un film consigliatissimo, specialmente perché di un genere unico e inconfondibile.

 

Annunci
Pasquale Salerno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...